paper
Belluno
2015
Dicembre è arrivato e cosa dire…manca poco al Natale. Eh si, siamo entrati nel mood e nella frenesia dei regali, dei preparativi, dei pranzi, delle cene, le vetrine addobbate e chi più ne ha più ne metta. C'è una cosa che però non può mancare…la carta. Per fare i pacchetti, per i biglietti d'auguri, per gli addobbi e io la conservo tutta, perchè un pò è una mia passione e poi perchè mai buttare via. Tenere tutto. Carta, carta, carta che cosa meravigliosa…quando vado in giro o chi mi conosce bene mi portano sempre un "souvenir cartaceo". Segnalo la carta velina della cartiera Paudice, della provincia di Torino, scoperta durante "Writing" a Milano nel 2014 durante il Salone. Oppure questi quaderni fantastici, che vengono dalla Danimarca che si chiamano "Hay". Oppure altri quaderni portati direttamente dalla Cina dalla sorella "Migow" o presi in zona Sarpi a Milano ;). Vi segnalo anche questo bellissimo libro dedicato alla legatoria, da avere per gli appassionati "Japanese Bookbinding".

Ma per tornare al Natale…ecco una poesia
di Gianni Rodari "L'abete di Natale:
Chi abita sull'abete tra i doni e le comete?
C'è un Babbo Natale alto quanto un ditale.
Ci sono i sette nani, gli indiani, i marziani.
Ci ha fatto il suo nido perfino Mignolino.
C'è posto per tutti, per tutti c'è un lumino
e tanta pace per chi la vuole per chi da che la pace
scalda anche più del sole.